Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Google ha annunciato di aver aggiornato lo strumento di analisi per il Mobile con il punteggio di velocità di caricamento di un sito. Ora il tool mostrerà quanti visitatori un sito sta perdendo a causa della velocità di caricamento oltre che ad un confronto con la categoria.

Mobile Speed Test Google
Grazie a questo strumento si potrà sapere non solo il tempo necessario per il caricamento del sito web, ma anche quanti visitatori sta perdendo durante il caricamento.
Molto utili anche i suggerimenti su come rendere il sito più veloce, grazie a dettagliate tecniche di ottimizzazione che si possono applicare al codice e al server.
Per provarlo vai su: testmysite.thinkwithgoogle.com

 

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Come molti sanno la legge del 4 aprile 1956 n. 212, con integrazioni varie fino al 1998 definisce il silenzio elettorale come segue:
Nel giorno precedente ed in quelli stabiliti per le elezioni sono vietati i comizi, le riunioni di propaganda elettorale diretta o indiretta, in luoghi pubblici o aperti al pubblico, la nuova affissione di stampati, giornali murali o altri e manifesti di propaganda.

Silenzio Elettorale su Internet


Molti hanno già aperto un dibattito se questa legge si riferisca anche al web compresi ovviamente Google e Facebook, media preferiti per le campagne elettorali.
Google però prende una posizione sulla questione e ai candidati che approcciano la piattaforma Google Adwords avvisa: “Google richiede agli inserzionisti che promuovono contenuti politici di rispettare le normative vigenti e gli standard di settore per qualsiasi località in cui possono essere pubblicati gli annunci; gli inserzionisti dovranno altresì rispettare eventuali "periodi di silenzio elettorale" e i requisiti indicati da Google per paesi specifici.” quindi chi utilizza tale strumento è avvisato che anche questo strumento web è assoggettato dalla legge n. 212. Ma se per Google è così per Facebook invece sembra non esserci nessun problema è non avvisa i propri inserzionisti in nessuna maniera.

Continuerò quindi il dibattito sulla questione e vedremo se vincerà la linea di Google o quella di Facebook.

Pagina 1 di 37

Roberto Cavasin - Treviso

Mi occupo da oltre 15 anni di nuove tecnologie multimediali per la comunicazione.

Le mie competenze riguardano in particolare il settore Web, Marketing e Social, il settore Video Tradizionale e Digitale infine i settori Radiofonico e Televisivo.

Email: cavasin.roberto@gmail.com

Ph: 328.2332980

Iscriviti alla Newsletter