Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Google Cardboard è un semplice strumento che permette una esperienza di realtà virtuale low cost attraverso un semplice visore in cartone e che chiunque può costruire o acquistare. Inoltre Google mette a disposizione diverse app per diversi utilizzi:

Google CardBoard 2016


FOTOCAMERA CARDBOARD
Scatta le foto in VR (realtà virtuale)
YOUTUBE 360
Per guardare i video a 360° in modalità immersiva
PROTON PULSE
Un gioco che utilizza la realtà virtuale
GALLERIA TILT BRUSH
Una applicazione di pittura per la realtà virtuale
APP CARDBOARD UFFICIALE
L'app Cardboard ufficiale è la base di partenza per la realtà virtuale da smartphone Android o iPhone

Caratteristiche del Cardboard

L’ultima versione supporta telefoni più grandi con schermi fino a 6 pollici. Possiamo trovare un nuovo pulsante che funziona con tutti i telefoni in commercio e inoltre si monta e si smonta in tre semplici mosse.
È possibile inoltre costruirlo da soli con pochi materiali facilmente disponibili attraverso questa guida: https://www.google.com/get/cardboard/downloads/wwgc_manufacturers_kit_v2.0.zip


Vediamo se questo progetto di Google sta funzionando attraverso alcuni numeri:

1- 5 milioni sono gli utilizzatori del nuovo modi di fare realtà virtuale con Cardboard
2- Oltre 25 milioni sono le installazione delle App dedicate al Cardboard
3- Una delle App dedicate al Cardboard è nella TOP5 in Google Play
4- 350mila ore sono il tempo di fruizione su Youtube dei video 360
5- Sono 750mila le foto realizzare con la tecnologia VR


Numeri quindi che ci fanno ben pensare a questa tecnologia e alle prossime applicazioni commerciali visto la grande audience di utilizzo.

Potrebbe interessarti anche: 

Google Maps prevede la nostra destinazione

Facebook sfida Google con servizi alle attività locali

 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Lo so, il titolo farà rabbrividire alcuni famosi Social media manager e quindi alzo il tiro con “Si può fare a meno di Facebook per una attività commerciale (ma anche per la vita privata)? Si”

Ok, adesso che ho la vostra attenzione cercherò di spiegarvi il mio ragionamento e di darvi una spiegazione logica che possa portarvi una riflessione sul tema.

Facebook e Strategie per le PMI

Punto primo: le consapevolezza dello strumento

Il 30% delle aziende italiane ha una presenza su Facebook ma solo una piccolissima parte gestisce internamente con una figura professionale adeguata o con una agenzia esterna, l’animazione, la creazione e programmazione dei contenuti. Quindi  le poche decine di fan che seguono la pagina potrebbero vedere sporadicamente alcuni contenuti con poco appeal, non generando conversioni. D'altronde in una PMI, magari a conduzione famigliare chi lavora non ha tempo di seguire un social durante il giorno e magari essere anche originale, virale, rispondendo in tempo reale ad ogni quesito. Poi da aggiungere anche il fatto che la maggior parte delle persone che seguono sporadicamente la propria pagina Facebook ignorano totalmente quali siano i principi per ottimizzarla e renderla uno strumento utile ad attirare richieste dai potenziali clienti della propria attività.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Google Maps prevederà la nostra destinazione? Sembrerebbe proprio di si!
Google presto aggiornerà la propria applicazione di navigazione con una nuova "modalità di guida" che utilizza la cronologia delle posizioni e di altri fattori per predire la destinazione finale dell’utente.

Google Maps prevede la nostra destinazione


L'aggiornamento aggiungerà una nuova scheda, plausibilmente chiamata"Inizio viaggio" a Google Maps. Selezionando questa opzione Google Maps inizierà automaticamente a darci delle indicazioni per raggiungere il luogo più probabile che vogliamo raggiungere in quel momento. Tale funzionalità utilizzerà la cronologia delle posizioni così come altri fattori come l’orario, le informazioni sul dispositivo, la navigazione e lo storico delle ricerche (a seconda delle impostazioni dell'account) per suggerire le destinazioni migliori.
Ad esempio se ogni giorno vi recate a lavoro, nel solito luogo e medesimo orario, Google Maps la imposterà come migliore destinazione.

Quindi Google continua a fornire funzionalità sempre più personalizzate cercando di imparare dalle nostre abitudini. Un bene o un male?

Roberto Cavasin - Treviso

Mi occupo da oltre 15 anni di nuove tecnologie multimediali per la comunicazione.

Le mie competenze riguardano in particolare il settore Web, Marketing e Social, il settore Video Tradizionale e Digitale infine i settori Radiofonico e Televisivo.

Email: cavasin.roberto@gmail.com

Ph: 328.2332980